GTT TORINO BUS: CON OGGI NASCE UNA DELLE PRIME FLOTTE
DI ELETTRICI DI GRANDE DIMENSIONI

Testo e fotografie a cura di Alessio Pedretti
- Articolo del 19.09.2017 -

In occasione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, nella giornata di Lunedì 18 Settembre 2017, sono stati presentati i primi esemplari Byd elettrici cinesi di grandi dimensioni in Piazza Castello nel capoluogo sabaudo per conto di GTT Torino, i quali entreranno in esercizio nelle prossime settimane in due distinte città del Piemonte, Torino e Novara. Per l’esattezza sono stati presentati in particolare gli esemplari 30E, 32E e 33E di una flotta che sarà costituita da 23 nuovi esemplari di cui 20 destinati a GTT Torino e 3 destinati a SUN Novara. Si tratta sostanzialmente della prima grande flotta di veicoli elettrici di grosse dimensioni pure privi di motore a scoppio in servizio nel nostro paese.

I veicoli sono stati esposti in Piazza Castello dal lato di Via Garibaldi ed esattamente tra Palazzo Madama ed il Palazzo della Regione Piemonte, sono prodotti dall’azienda cinese BYD nello stabilimento di Shenzen, l’iter di acquisizione dei veicoli è iniziato nell'anno 2014 quando la Regione Piemonte ha deliberato di destinare le risorse del Ministero dell’Ambiente per il miglioramento della qualità dell’aria all’acquisto di autobus a trazione elettrica. GTT Torino è stata quindi individuata come stazione appaltante per tutti i committenti regionali (aziende di trasporto ed Enti). Al termine della gara è stata aggiudicata una fornitura di 19 veicoli tuttavia la Città di Torino ha aderito al Protocollo di Impresa per migliorare la qualità dell’Aria emanato da Ministero dell’Ambiente nel Dicembre 2015 per lo sviluppo di un ulteriore progetto relativo ad ulteriori 4 autobus elettrici acquistati da GTT. Il finanziamento complessivo è di circa 15 milioni di €uro di cui 13,5 gestiti dalla Regione Piemonte e 1,5 dalla Città di Torino. I 23 nuovi autobus sono costati dunque circa 8,5 milioni di €uro, la cifra restante è a disposizione per l’aggiudicazione di altri lotti relativi a bus elettrici più piccoli esattamente da 6,5 e 9 metri. Con questi due lotti, che sono in via di aggiudicazione, ne saranno acquistati un’altra ventina e saranno destinati anche ad altre città del Piemonte per diffondere e far conoscere questa tipologia di trasporto.
I primi 3 dei 23 autobus elettrici presentati oggi possono trasportare ciascuno 77 passeggeri di cui 21 seduti e presentano una postazione per diversamente abile, hanno una autonomia di 310 km ed un consumo di 104 kWh ogni 100 km tanto che il sistema non prevede l’installazione di impianti di ricarica in linea, sono stati realizzati 2 impianti di ricarica in deposito presso gli Stabilimenti GTT Gerbido e Tortona, tra l’altro nel primo caso citato l’energia è ricavata da un impianto fotovoltaico installato da GTT. I mezzi non avendo il motore a scoppio risultano essere particolarmente silenziosi e ben al di sotto della soglia di rumore tipico degli ambienti urbani, tanto che si è deciso di dotarli di avvisatore acustico per segnalarne la presenza a pedoni e ciclisti.

La livrea particolare adottata su questi mezzi è stata ideata dagli allievi della Scuola di Pittura dell’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino che, coordinati dal docente Giuseppe Leonardi hanno lavorato in sinergia con la Regione predisponendo una linea grafica e creativa che ben rispecchia lo spirito dell’iniziativa, tra l’altro curiosamente applicata solo sulla fiancata priva di porte e sul posteriore del veicolo.
I veicoli entreranno in servizio a Torino entro il mese di Ottobre 2017 in particolare sulle linee 19 e 6 in quest’ultimo caso la linea sarà l’erede della omonima tranviaria che verrà soppressa in modo tale che andrà a meglio servire l’accessibilità al Campus Universitario Einaudi e troverà capolinea in Piazza Hermada ed a Porta Nuova. La linea 19 invece prolungherà il percorso da Piazza della Repubblica per Via Milano, Via San Francesco d’Assisi, Via Pietro Micca per arrivare al capolinea di Piazza Solferino e tornare attraverso sempre Via Micca, Via XX settembre e Corso XI Febbraio. Successivamente è previsto che le stesse vetture saranno impegnate anche sulle linee suburbane per Settimo Torinese, Collegno, Pianezza, Venaria, Moncalieri e Nichelino.
Discorso differente per SUN Novara ove per ora i 3 esemplari assegnati saranno impegnati sulla linea 5 tra Piazza Garibaldi (Stazione) e Via dell’Artigianato, effettuando dunque il giro dei baluardi intorno al Centro Storico.

I veicoli elettrici Byd (di cui non sembra esser nota una particolare sigla che contraddistingua il modello 12m in particolare) hanno una lunghezza di 12 metri, una larghezza di 2,55m ed una altezza di 3,36m, possono trasportare 77 passeggeri di cui 21 seduti oltre ad una postazione per diversamente abile e sicuramente su un pianale integralmente ribassato. Come detto ogni veicolo consuma 104 kWh ogni 100 km secondo il ciclo SORT 1, le batterie sono realizzate con litio, ferro e fosfato essendo installate sull'imperiale e nel vano posteriore del veicolo, sono capaci di erogare una energia totale di 324 kWh. I motori agiscono con un ponte motorizzato sulle ruote posteriori ed ogni motore è di tipo brushless sincrono a magneti permanenti con potenza totale 180 kW (2x90 kW) coppia 350 Nm per ciascun motore potendo far raggiungere al veicolo una velocità massima di 70 km/h. Da notare la presenza di telecamere anche interne e di porte di tipo rototraslanti sulla anteriore e sliding per la centrale e posteriore.

Due parole infine su BYD: posto e premesso che veicoli di quest’azienda circolano già in Italia per conto ATM Milano (vedasi precedenti articoli), il costruttore cinese ha una capacità impressionante di 220.000 dipendenti ed è il più grande costruttore di autobus elettrici presente al mondo, portando avanti la costruzione di stabilimenti in Ungheria e Francia, quest’ultima di prossima apertura mentre in Gran Bretagna è stata sviluppata una partnership di lungo periodo con il noto ed autoctono carrozziere inglese Alexander Dennis. Tra l’altro diversi veicoli cinesi BYD circolano da diverso tempo a Londra mentre ad Amsterdam in Olanda è presente la più grande flotta di bus elettrici operativa in un Aeroporto internazionale, ulteriori ordini sono giunti dalla Svezia ad Israele.

Nelle fotografie della mattinata di Lunedì 18 Settembre 2017 sono ritratti i veicoli 30E, 32E e 33E esposti in Piazza Castello, si possono osservare diversi particolari anche degli interni. da segnalare che gli esemplari sono usciti dallo stabilimento Tortona ed hanno anche effettuato un giro di prova dimostrativo per Via Micca, Piazza Solferino, inversione di marcia all’altezza di Via Gandolfo e rientro in Piazza.