LAZIOTOUR: AUTOLINEE SAP ROMA - DOPO GLI ARANCIONI
LARGO A CHI 
È DI BIANCO VESTITO (2a PARTE)
Testo e fotografie a cura di Alessandro Zanotti
- Articolo del 07.11.2017 -

Seconda e ultima parte dedicata a SAP Roma il colosso posto al confine tra i Monti Tiburtini e la Sabina; dopo aver trattato delle macchine verniciate nella tradizionale livrea arancione ci soffermiamo un poco sugli autobus in livrea bianca, i quali risultano essere principalmente minibus urbani o autobus extraurbani, documentando tuttavia alcune eccezioni alla regola che meritano essere approfondite in questa sede.

001

002

003

004

005

006

007

008

009

010

011

012

013

014

Foto 001: lo squadrato Cacciamali allestito su telaio Iveco 100E.21 è solitamente diffuso sia tra le forze armate italiane che in allestimento scuolabus, ma è particolarmente raro trovarlo con allestimento di linea. SAP ne acquistò un singolo esemplare nel 2002 il quale viene solitamente utilizzato sul servizio urbano di Palombara, attualmente composto da quattro linee. Nel dettaglio si tratta di due circolari urbane numerate 1 (interna alla città) e 2 (esterna che si estende fino alle frazioni di Stazzano e Cretone), due linee extraurbane (la n.3 di collegamento per la stazione ferroviaria di Fara Sabina; la n.4 di collegamento con la stazione di Pianabella di Montelibretti, entrambe doppioni delle corse COTRAL).

Foto 002: inizialmente le linee scolastiche riservate agli studenti erano esercitate anche con alcuni pullman da turismo declassati o autobus extraurbani, come questo Iveco 370S.12.30 carrozzato da Orlandi modello Domino GTS, un modello talmente sfortunato da scomparire abbastanza prematuramente dalle strade ma che comunque si presta bene al servizio scolastico. Tanto sfortunato da essere già passato a miglior vita anche presso SAP, rimpiazzato negli ultimi anni dai soliti minibus gialli su base furgonistica con allestimento scuolabus.

Foto 003: un altro veicolo che incontrammo a Guidonia durante lo svolgimento di qualche linea prettamente scolastica è questo comune Irisbus 389 Euroclass New lungo 10 metri in livrea argento, probabilmente acquistato di seconda mano da qualche ignoto padroncino. Lo incontrammo solo una volta nell'anno 2012, per giunta di sfuggita, per poi non più rivederlo e non è escluso che lo stesso possa essere stato rivenduto altrove.

Foto 004: chi pensava che gli immancabili Europolis fossero finiti nella prima parte dell'articolo deve purtroppo ricredersi in quanto nell'anno 2008 SAP acquistò una coppia di esemplari in livrea bianca nella più rara versione da otto metri e mezzo con motore EEV e due porte di accesso. I due bresciani, tra gli ultimi prodotti in assoluto poco prima della chiusura di Cacciamali, furono numerati 91-92 ed entrambi svolgono servizio a Santa Marinella. E' opportuno ricordare che il servizio urbano del suddetto Comune è composto da cinque linee urbane aventi origine la stazione ferroviaria e capita frequentemente nell'arco della giornata che gli autobus quando terminano la corsa su una linea ripartano effettuandone un'altra.

Foto 005: come già ribadito ampiamente, i collegamenti dalla Sabina alle stazioni ferroviarie lungo la FL1 Orte-Fiumicino Aeroporto, in virtù della loro lunghezza di percorso, vengono esercitati con pullman extraurbani. Tra questi era presente anche un singolo Iveco 315 Menarini del 1994 acquistato usato nel 2008 e avente provenienza sconosciuta, probabilmente utilizzato inizialmente come pullman da turismo vista anche la presenza del climatizzatore sul tetto. Con l'arrivo degli Otokar interurbani lo scorso anno, lo stesso ha dovuto cedere il passo ai nuovi arrivati assieme ai cugini urbani Iveco 316 Minerva.

Foto 006: la necessità a utilizzare macchine extraurbane fece sì che nel corso degli anni Duemila venissero acquistati alcuni pullman di chiara vocazione turistica e di medie dimensioni, al fine di essere utilizzabili sia sui servizi di linea che come scuolabus. E fu così che arrivarono a più riprese almeno tre Setra S 211 HD (oltre la matricola 97 qui in foto esistono anche i gemelli n.87 e 90) di probabile provenienza estera e costruiti al vero tra la fine degli anni Ottanta e i primi anni Novanta. Tali veicoli furono utilizzati quasi esclusivamente sulle linee afferenti il servizio urbano di Palombara Sabina e non sono proprio idonei a ricoprire servizi di linea urbana o comunque extraurbana a breve raggio; l'occhio attento dell'appassionato può notare, nei pressi della porta centrale del veicolo in oggetto, il vano che nasconde la toilette. Da segnalare che fino ad alcuni anni fa era circolante anche un singolo Mercedes O 404.10 RHD anch'esso in livrea bianca, scomparso già alcuni anni or sono.

Foto 007: a Santa Marinella il rinnovamento del parco macchine è passato attraverso l'immissione in servizio di una coppia di Iveco 70C17 Indcar Mobi dotati di allestimento urbano, i quali furono consegnati nel 2015 da Romana Diesel e numerati 108-109. Tali minibus sostituirono una volta per tutte gli ultimi Iveco 316 Menarini rimasti, i quali avevano raggiunto quasi 25 anni di servizio. Questi minibus di origine spagnola sono molto diffusi con allestimento scuolabus e negli ultimi tempi stanno iniziando a diffondersi anche quelli con allestimento urbano ed extraurbano. Non dimentichiamoci dei 12 (dodici!) Indcar Mobi acquistati da poco dalla Cialone di Ferentino (FR).

Foto 008, 009 e 010: con SAP il Lazio vede per la prima volta la presenza di autobus Otokar in circolazione, che per l'importatore Mauri è una prima assoluta a queste latitudini. Nel giro di due anni sono stati acquistati tre Vectio da 9 metri di tre tipologie diverse: il primo, matricola 119, entrò in servizio nel 2015 ed è un Vectio U interurbano a pianale rialzato dotato di porta posteriore a fondo veicolo; il secondo è numerato 129 ed è un Vectio U-LE dotato di allestimento extraurbano e anch'esso in livrea bianca; il terzo, matricola 130, è un Vectio C con allestimento urbano e livrea arancione, questi ultimi entrati in servizio a fine 2016. Tutti e tre gli esemplari sono normalmente assegnati sul servizio urbano di Palombara Sabina e utilizzati senza alcuna preferenza sulle linee locali, nonostante presentino allestimenti diversi tra loro.

Foto 011 e 012: avevamo già parlato di loro in altre sedi ma fa sempre bene ricordare che SAP nel corso del 2016 ricevette 6 esemplari Mercedes Citaro di seconda mano serie 8100 provenienti dalla vicina RomaTPL, società consortile per la quale la stessa SAP gestisce alcune linee in subappalto. Si tratta delle ex unità 8135, 8140, 8146 rinumerate rispettivamente 121-122-123 e le ex 8136, 8139, 8148 rinumerate 126-127-128 che progressivamente stanno tutte ricevendo la nuova livrea arancione in luogo della precedente colorazione rosso-argento. E’ doveroso inoltre ricordare che nel 2015 fu acquistato un settimo Citaro numerato 120 (ex ATAC 8144), all'epoca dei fatti in livrea argento, il quale rimase pochissimo in circolazione per le vie di Guidonia poiché poco dopo la sua immissione in servizio prese fuoco per strada per cause accidentali, tale evento ne provocò la fine prematura.

Foto 013 e 014: gli ultimi arrivi risalgono a quest’estate e risultano essere tre Mercedes Sprinter City65 del 2011 riverniciati in livrea bianca numerati 131-132-133, dove almeno due unità sono state avvistate sul servizio urbano di Santa Marinella in sostituzione degli Iveco 316 Minerva. Questi minibus ci risultano familiari in quanto si tratta rispettivamente delle ex matricole 8886, 8887 e 8884 di RomaTPL, a loro volta acquistati usati nel 2015 (la 8884 era la ex matr.501 dalla BernMobil di Berna -Svizzera- mentre 8886 e 8887 provengono dalla Provincia di Hassberge, in Germania) e utilizzati proprio da SAP sulle linee 022, 039, 340 e 505. Si potrebbe benissimo dire che tali mezzi abbiano cambiato livrea e matricole ma non il proprietario! Concludiamo con una piccola particolarità che coinvolge i due esemplari di provenienza tedesca originariamente sprovvisti di climatizzatore, che fu montato a Roma in un secondo momento sopra la parte posteriore dei veicoli, dettaglio visibile sulla 132 ex RomaTPL 8886.

VISUALIZZA LA PRIMA PARTE DELL'ARTICOLO:

LAZIOTOUR AUTOLINEE SAP ROMA - UNA DELLE REALTÀ PIÙ ANTICHE
E RADICATE DELLA CAPITALE 
(07/11/2017)

 

 

TORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE
(ARTICOLI E NOTIZIE)

 

TORNA ALLA PAGINA INIZIALE DI TPLITALIA.IT