STP BRINDISI: DAI 370 AI CROSSWAY ED EVADYS
Testo a cura di Michele Florio - Fotografie a cura di Gabriele Florio
- Articolo del 06.09.2018 -

Con la fine dell’estate 2018 in casa STP Brindisi si è concluso, non senza un pizzico di malinconia, la storia del mitico FIAT-IVECO 370 iniziata in territorio brindisino nei lontani primissimi anni ‘80. In quel periodo furono acquisiti una manciata di 370.12 seguiti nella seconda metà degli anni ’80 da una decina di esemplari sempre dodecametrici nella versione ristilizzata. Nel 1989 infine l’arrivo di ben 40 IVECO 370.12S di cui 3 con carrozzeria CAM Autodromo. Dopo un quarantennio in cui il 370 ha rappresentato una colonna importante della flotta STP si è giunti, nel corso del 2018, al suo “canto del cigno” rappresentato da 3 superstiti esemplari con matricole I 144, I 161 (accantonata definitivamente il 7 luglio scorso per la rottura del cambio) e I 177 impiegati in turno durante l'estate e in orario serale su una coppia di corse sulla linea Brindisi-San Vito dei Normanni-Carovigno e viceversa appannaggio solitamente di mezzi ben più recenti. Un ultimo riconoscimento ad un autobus che ha fatto la storia del TPL nel nostro Paese con l'auspicio che la STP Brindisi possa preservarne almeno un esemplare.
A decretare il fine servizio per i 370 (nel 2018 ne erano ancora operativi circa 30 tutti nella versione 370.12S) è stata la recente acquisizione di 29 nuovi autobus IVECO risultata vincitrice nella maxi gara indetta dal COTRAP con co-finanziamento della Regione Puglia per la fornitura complessiva di 295 interurbani (suddivisi in 4 tipologie diverse: interurbani 12 m; interurbani LE 12 m; interurbani HD 12 m; interurbani HD 13 m) a favore di aziende pubbliche di trasporto pugliesi. Alla STP Brindisi spetteranno 21 Crossway nelle versioni Line LE (Low Entry) e Line HV tutti da 12 m (matricole aziendali da I 273 a I 293) e 8 Evadys da 13 m (matricole da I 294 a I 301) tutti con motorizzazione diesel Euro VI. Una “boccata di ossigeno” importante che consentirà di offrire, soprattutto sul fronte delle linee interurbane scolastiche a corto/medio raggio finalmente nuovi autobus ecologici, climatizzati e con accesso ai diversamente abili. E i Crossway LE, grazie al loro pianale ribassato, rispondono pienamente alle esigenze dell’utenza scolastica. Ai Crossway HV e agli Evadys invece il compito di incrementare la qualità nei collegamenti a lungo raggio con i comuni più distanti del provincia brindisina e con le città di Lecce e Taranto.
Con la fornitura dei 29 bus IVECO il capitolo interurbani si è momentaneamente risolto, ma per il prossimo futuro si dovrà pensare alla sostituzione anche dei circa 40 VOLVO B10B SL 12 con quasi 20 anni di servizio sulle spalle. Nel frattempo il prossimo urgente obiettivo della STP Brindisi (che grazie ai conti in attivo ha potuto acquistare con proprie risorse negli ultimi 5 anni ben 21 autobus tra urbani, interurbani e turistici) è l’acquisto di nuovi mezzi urbani, che potrà avvenire, secondo le assicurazioni dell’assessore regionale ai trasporti Giovanni Giannini durante la cerimonia di consegna alla STP Brindisi dei nuovi autobus avvenuta il 3 Agosto scorso, in tempi brevi. “Siamo pronti ad erogare nuovi finanziamenti regionali finalizzati ad abbassare l’età media del parco autobus pubblico pugliese avvicinandosi a quella europea” ha sottolineato Giannini nel corso della cerimonia. Vedremo quindi, dopo questo primo importante successo di IVECO, chi spunterà alla prossima maxi gara di COTRAP.


 

IVECO 370.12S

   

CROSSWAY LE LINE