Trasporti Pubblici
in Italia
 

Trasporti Pubblici
in Italia

Aziende di trasporto pubblico di linea e da Noleggio Con Conducente


MARCHE, SOCIETA' MISTE IN ROSSO
Il dirigente nazionale: " Aspettiamo le risorse nazionali per adeguare il corrispettivo all'inflazione" - Ma potrebbe non bastare


Testo tratto da "Il SOLE 24 ORE TRASPORTI" del 12-24 maggio 2008

 
Stato di agitazione del trasporto su gomma nelle Marche, unica Regione ad aver scelto un modello misto di affidamento dei servizi. A Pesaro Ŕ stata fatta la gara tradizionale, mentre negli altri quattro bacini hanno concorso le societÓ miste pubblico-private, unico caso in Italia.
Nonostante le attese e la partecipazione nella competizione pesarese di alcuni colossi, anche esteri, alla fine tutto Ŕ rimasto in casa e sono rimaste protagoniste le aziende locali.
"Stiamo moderatamente soddisfatti - afferma Sergio Strali, dirigente regionale responsabile per il TPL, che ha seguito le gare dalla loro gestazione fino all'aggiudicazione - sia per il servizio offerto che per la capacitÓ delle societÓ miste di aggregare ben 55 vettori presenti sul territorio. Le proteste sindacali? Credo siano relative a problemi contrattuali e non si riferiscano alla condizione generale".
In realtÓ, le segreterie di Fil Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti hanno attaccato il medello seguito dalla Regione: "A ormai quasi un anno di distanza dall'affidamento dei servizi alle societÓ dei vari bacini provinciali - hanno spiegato - stiamo verificando che il servizio non Ŕ migliorato e non risponde alle esigenze dei cittadini". L'anno scorso le tariffe sono aumentate dle 25% e non si esclude un ulteriore ritocco entro la fine dell'anno.
Ma le aziende non si lamentano delle gare. "Siamo soddisfatti - spiega Pasqualino Del Bello, presidente di Anav Marche -. Innanzitutto perchŔ siamo tranquilli di avere un contratto certo per altri sei anni. Poi - continua - il processo di integrazione tra aziende non potrÓ far altro che ridurre gli sprechi, forse a scapito dell'autonomia dei singoli vettori". "Tra le novitÓ pi¨ importanti - confermano Del Bello e Strali - c'Ŕ il biglietto unico regionale, che favorisce i viaggiatori". Anche nelle Marche il caro gasolio si fa sentire e le imprese attendono i fondi della Finanziaria 2008. Circa 13 mln (su 21 mln complessivi) saranno utilizzati per il TPL. "Attendiamo una quindicina di milioni di fondi comunitari Fas per l'ammordenamanto della flotta urbana, favorendo il passaggio completo al metano e all'elettrico", riferisce il dirigente regionale.
Come nella gran parte delle Regioni, anche i bilanci delle aziende marchigiane pubbliche chiudono il 2007 in perdita, fatta eccezione per Conerobus di Ancona, che riesce a tenersi in linea di galleggiamento. "Attendiamo con urgenza i soldi nazionali per poter adeguare il corrispettivo all'inflazione. Di pi¨ non possiamo ", riferisce Strali, mentre Del Bello dell'Anav parla di "risorse comunque non sufficienti a colmare l'innalzamento del greggio" e attende "l'immediata delibera della Giunta per trasferire le risorse recentemente stanziate dallo Stato, relative ai precedenti adeguamenti contrattuali".
I sindacati lamentano anche il taglio dei posti di lavoro "continuando a tenere in vita una situazione di precarietÓ ormai diffusa e strutturale". Replica il presidente dell'Anav Marche:" Mancano dei riferimenti legislativi che consentano il passaggio di dipendenti tra le aziende consorziate", quindi Ŕ pi¨ difficile riassorbire la mano d'opera.
Entro l'estate, la Giunta e i dirigenti regionali faranno il punto sul trasporto nelle Marche in un convegno pubblico a Pesaro. SarÓ l'occasione per capire il 2007 e gli obiettivi per il 2008. Dovrebbe essere l'anno delle gare ferroviarie, ma agli annunci non sono seguiti i fatti e i bandi giÓ pronti restano chiusi nei cassetti: mancano all'appello 7 milioni, che dovrebbero arrivare dal Governo nazionale.


TORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE (ARTICOLI E SERVIZI)